San Francesco, il poverello innamorato.

image

«Io penso, Signore, che tu ne abbia abbastanza della gente che parla di servirti con un piglio da condottiero, di conoscerti con aria da professore, di amarti come si ama in un matrimonio invecchiato. Un giorno in cui avevi voglia d’altro, hai inventato san Francesco e ne hai fatto il tuo giullare. Lascia che anche noi inventiamo qualcosa per gente allegra che danza la propria vita con te».

Madeleine Delbrêl (1904-1964)

Annunci

Tree of poems (2)

valeriu dg barbu

Trilingual post: English, Italiano, Română

motto:perhaps that the tree of Eden was full just of poems …

many do not enjoy the peace, because they do not know what is the war
many do not enjoy the health, because they do not know what is the disease
some rejoice for a simple greeting, because they know
what is loneliness
and there are those who
never get tired of donating
because they know what is love

b1Albero dei poemi (2)
motto:forse l’albero edenico era pieno soltanto di poemi …

molti non godono la pace, perché non sanno cos’è la guerra
molti non godono la salute, perché non sanno cos’è la malattia
alcuni gioiscono per un semplice saluto, perché sanno
cos’è la solitudine
e ci sono quelli che
non si stancano mai di donare
perché essi sanno cos’è l’amore

b4Pomul cu poeme (2)
motto: poate că pomul edenic era plin…

View original post 49 altre parole

Chi vive vede, ma chi viaggia vede di più.

Gli occidentali hanno curiosamente limitato la storia del mondo raggruppando il poco che sapevano sull’espansione della razza umana intorno ai popoli di Israele, Grecia e Roma.

image

I viaggi di Ibn Battuta Marco Polo e Zheng He.

Cosi facendo hanno ignorato tutti quei viaggiatori ed esploratori che, a bordo di navi, hanno solcato il mar della Cina e l’oceano Indiano, o, in carovane, hanno attraversato le immense distese dell’Asia centrale sino al golfo Persico. In verità, la parte più cospicua del globo, con culture diverse da quelle degli antichi Greci e Romani ma non meno civilizzate, è rimasta sconosciuta a coloro che hanno scritto la storia del loro piccolo mondo con la convinzione di scrivere la storia del mondo.”

Henri Cordier

I ragazzi che si amano

I ragazzi che si amano si baciano in piedi contro le porte della notte
e i passanti che passano li segnano a dito ma i ragazzi che si amano
non ci sono per nessuno
ed è la loro ombra soltanto
che trema nella notte
stimolando la rabbia dei passanti
la loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
i ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
essi sono altrove molto più lontano della notte
molto più in alto del giorno
nell’abbagliante splendore del loro primo amore

image

Jacques Prevert- 1945

Lo sguardo.

Strephon mi ha baciata a primavera,
Robin in autunno,
Ma Colin mi ha guardata soltanto
E non mi ha baciata affatto.
Il bacio di Strephon fu perso per scherzo,
Quello di Robin si perse nel gioco,
Ma il bacio negli occhi di Colin
Mi perseguita notte e giorno.

Sara Teasdale

image

Dipinto: Pino Daeni (Bari 1939)